Finalmente Si Appende

Si Appende il raccolto. Ecco una delle fasi più entusiasmanti.

Il raccolto potrebbe sembrare la fase conclusiva di una lunga avventura. Le cime sono mature ed è il momento di godersele, giusto? Purtroppo, occorre pazientare ancora un po’. C’è molto lavoro da fare. Dovrete sfoltire, essiccare e conciare le cime in modo da ottenere un prodotto piacevole e vellutato. Tutte queste azioni vi permetteranno di eliminare i sapori sgradevoli e di conservare i fiori più a lungo.

La fase del raccolto non consiste soltanto nello staccare le cime e inserirle su una griglia di essiccazione. Bisogna tener conto di numerosi fattori e anche le tempistiche sono importanti. A seconda di quando vengono raccolte, le cime offriranno diversi livelli di THC e la conciatura con il giusto grado di umidità inciderà notevolmente sul rischio che si sviluppi la muffa.

ESSICCARE LE CIME

La prossima fase prevede il trasferimento delle cime nella sala di essiccazione. Essiccare la cannabis è fondamentale per rimuovere l’umidità in eccesso ed evitare la formazione di muffa. Inoltre, la canapa/cannabis/marijuana umida non è affatto piacevole. Prima di procedere all’essiccazione, organizzate lo spazio adibito all’operazione. Potete usare una stanza vuota, o la tenda che prima conteneva la piantagione. Se i fiori sono ancora attaccati ai rami, dovrete appenderli ad un filo della biancheria. Altrimenti, potete sistemare direttamente le cime su una rastrelliera per essiccazione.

Per un risultato ottimale, la cannabis dovrebbe essere essiccata lentamente. I terpeni, sostanze chimiche che forniscono alla cannabis la sua caratteristica fragranza, sono estremamente volatili e si deteriorano facilmente se esposti a temperature elevate. Per avviare il processo di essiccazione, dovete raggiungere una temperatura ambientale di circa 21°C, ed un tasso di umidità relativa del 50%. Usate un igrometro per misurare questi due parametri. Se i valori sono troppo alti, posizionate ventole, condizionatori d’aria e deumidificatori. Se sono troppo bassi, installate un calorifero e un umidificatore.

Il processo di essiccazione richiede dai 2 ai 7 giorni. Controllate quotidianamente i vostri fiori e toccateli per valutare il livello di umidità. Alla fine steli e fiori, anziché flettersi, si spezzeranno sotto la pressione delle dita. A questo punto potete passare alla fase seguente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.