Come conservare la canapa / cannabis in maniera corretta

Conservare la cannabis e i suoi estratti è una pratica essenziale per mantenere quanto più invariato possibile il loro profilo originale di sostanze attive: fitocannabinoidi, terpeni, etc. Purtroppo non è cosa da poco e le dinamiche da tenere in considerazione non sono poche, né scontate. Approfondiamo l’argomento facendo riferimento a un recente e illuminante studio.

I ricercatori del Centro nazionale forense svedese (NFC) hanno condotto, nel maggio 2019, un approfondito studio su diverse degradazioni e trasformazioni in corrispondenza di metodi di conservazione differenti (contatto con aria, temperatura, luce, contenitore). i campioni, divisi in porzioni e confrontati statisticamente, sono stati analizzati sistematicamente nell’arco di 4 anni.

Δ9-THC | I campioni conservati a contatto con l’aria, sia al buio che alla luce hanno mostrato la maggiore riduzione della concentrazione di Δ9-THC:

  • oscurità + aria diminuita tra il 64% e il 74%
  • luce + aria diminuita del 65-72%
  • a tenuta stagna + temperatura ambiente degradata più lentamente 25-42%
  • ermetico + congelatore rimasto statisticamente intatto

CBD (CBDV) | Era stabile in tutte e 4 le diverse condizioni di conservazione

CBN | Livelli aumentati linearmente in campioni esposti all’aria

Sesquiterpeni – isocariofillene, β -cariofillene, α -bergamotene, α – e β – umulene | Lenta ed esponenziale degradazione nei campioni esposti all’aria, mentre i campioni in condizioni sigillate sono rimasti relativamente stabili.

Il contatto con l’aria sembra dare il maggior contributo alla degradazione di Δ9-THC (THCV), mentre il CBD (CBDV) rimane stabile in tutte le condizioni. Tuttavia, è opportuno conservare tutti i prodotti di cannabis in contenitori a tenuta d’aria, scuri, preferibilmente in un congelatore.

METODO e OSSERVAZIONI

Sono stati studiati l’impatto di quattro diverse condizioni di conservazione sul profilo chimico della resina di cannabis insieme con le concentrazioni di Δ9-THCCBD e CBN. Le diverse condizioni di conservazione erano:

  1. Al buio, in un sacchetto di plastica sigillato a -20 ° C (campione di riferimento).
  2. Alla luce, esposto all’aria e a temperatura ambiente (RT) (20-22 ° C).
  3. Alla luce, in un sacchetto di plastica sigillato e a temperatura ambiente.
  4. Al buio, esposto all’aria a temperatura ambiente.

Ciascuna lastra di resina di cannabis è stata divisa in quattro parti che sono state immagazzinate nelle diverse condizioni sopra menzionate. I campioni di ciascuna condizione di conservazione sono stati analizzati all’inizio dello studio e dopo 1, 3, 6, 9, 12, 24, 36 e 48 mesi dopo l’inizio dello studio. La sorgente luminosa era un tubo di luce fluorescente standard con illuminazione costante nel corso dello studio. Nessuna luce naturale è entrata nella stanza in cui sono stati conservati i campioni, tuttavia durante le operazioni di campionamento e analisi l’esposizione alla luce ambientale è stata inevitabile. Il campionamento prima dell’analisi è stato effettuato rimuovendo la superficie dalla resina di cannabis con un bisturi e raccogliendo il campione dall’interno di ogni pezzo di resina di cannabis. Sono stati prelevati due campioni da ciascun pezzo di resina di cannabis per analizzare il contenuto di Δ 9-THC, CBD e CBN e quattro campioni per la determinazione del profilo chimico dei metaboliti secondari minori.

I campioni A-D conservati in sacchetti di plastica sigillati al buio in un congelatore non hanno mostrato segni reali di degradazione nelle quantità di Δ9 -THC, CBD e CBN. Le concentrazioni misurate per questi cannabinoidi hanno mostrato piccole variazioni che molto probabilmente risultano da piccoli cambiamenti nella sensibilità dello strumento in un periodo di tempo così esteso insieme a una combinazione di varianza naturale (disomogeneità).

campioni conservati alla luce ma in una busta di plastica sigillata hanno mostrato una piccola degradazione in % THC per A (THC = 4,5%), B (5,1%) e D (4,9%) e una maggiore degradazione per il campione C (11,8%).

Considerando l’accuratezza del metodo e gli intervalli di confidenza calcolati per i diversi blocchi di resina di cannabis, la concentrazione Δ9-THC nei campioni A-D mostra una degradazione statisticamente significativa quando esposta alla luce e all’aria.

I campioni conservati a contatto con l’aria, sia al buio che alla luce, hanno mostrato la maggiore diminuzione della concentrazione Δ9-THC. Per i campioni conservati in queste condizioni l’andamento delle concentrazioni Δ9-THC è diminuito più o meno continuamente. Dopo quattro anni le concentrazioni di Δ9-THC per i quattro campioni immagazzinati nell’oscurità, ma il contatto con l’aria era diminuito tra 64 e il 74% rispetto alle concentrazioni originarie. Per i campioni conservati a contatto con l’aria, ma alla luce le concentrazioni Δ9-THC hanno mostrato lo stesso risultato, diminuendo con di un 65-72 percento relativo. Questo studio di stabilità suggerisce che il Δ9-THC degrada a contatto con l’aria, ma l’effetto della luce incidente nella zona di campionamento è trascurabile.

I campioni conservati in sacchetti di plastica sigillati a temperatura ambiente (RT) si sono degradati più lentamente (25-42%), mentre i campioni conservati nel congelatore rimangono statisticamente intatti.

L’analisi delle concentrazioni di CBD per i quattro diversi campioni ha rivelato una stabilità molto maggiore per il CBD rispetto al Δ9-THC.

I livelli di CBD in tutti e quattro i materiali non mostrano effetti statistici a causa delle 4 diverse condizioni di conservazione. Il CBD non sembra essere soggetto a degradazione ossidativa e quindi può servire come un picco di riferimento utile per l’analisi comparativa per campioni noti per essere stati conservati in condizioni diverse. Il campionamento in tutti i casi è stato effettuato dal centro della lastra di resina di cannabis e quindi l’influenza della luce è risultata trascurabile per tutti i metaboliti secondari inclusi in questo studio.

Packaging consigliato per la conservazione

Tra tutti gli imballi, involucri, contenitori per la conservazione, primo fra tutti è il barattolo di vetro. Tuttavia si consiglia anche il packaging de La Canapa Italiana che viene studiato in involucri di alluminio adatti a beni/prodotti destinati all’uso alimentare.  Il packaging utilizzato da La Canapa Italiana è strutturato con materiale accuratamente selezionati; di seguito i due modelli di packaging utilizzati dal nostro store:

Alluminio

Alluminio e film ad alta barriera, materiale multistrato composto da Alluminio, PET e PE, accoppiato esternamente con un altro strato di PET (lucido) o PP (opaco). La barriera in alluminio fornisce un ottimo livello di protezione dall’umidità, dagli aromi e dai raggi UV e un’eccellente resistenza agli urti. Spessore totale: 110µm

Carta/alluminio

Carta/alluminio ad alta barriera, materiale multistrato composto da carta, alluminio e PE. La barriera in alluminio offre un’eccellente protezione dall’umidità, eccezionali proprietà antiurto e alta protezione dai raggi UV e agli aromi. Spessore totale: 120µm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.